JOHN GALLIANO X MAISON MARTIN MARGIELA COUTURE SPRING/SUMMER 2015

Pochi shows nell’industria della moda godono della stessa risonanza mediatica che ha riscosso l’evento in cui John Galliano ha fatto sfilare la sua prima collezione per Maison Martin Margiela. Basti pensare che il défilé ha richiamato designers del calibro di Manolo Blahnik, fotografi come Paolo Roversi e Tim Walker, stilisti ed editors da tutto il mondo (capeggiati da Anna Wintour), e l’immancabile Kate Moss in front row.
JOHN GALLIANO X MAISON MARTIN MARGIELA COUTURE SPRING/SUMMER 2015
Il discusso stilista ha deciso di tirarsi fuori dal calendario dell’haute couture di Parigi, probabilmente per evitare un faccia a faccia con i suoi vecchi datori di lavoro da Dior. Questa decisione gli ha permesso di presentare il suo ritorno nel mondo della moda a Londra, una città che ama, nonché suo luogo natale e fonte di ispirazione di lunga data. E il fashion system ha deciso di riabilitare il talento eccezionale di Galliano, accogliendo con entusiasmo la collezione d’alta moda Artisanal, composta da venticinque looks.
JOHN GALLIANO X MAISON MARTIN MARGIELA COUTURE SPRING/SUMMER 2015
Lode dunque al merito di Renzo Rosso, patron di Diesel e proprietario di Margiela, che ha coraggiosamente scelto di ospitare sotto la sua ala protettrice uno tra i designers di più alto profilo della nostra epoca, un uomo che ama sperimentare con la propria immagine: si presenta in passerella abbandonando i travestimenti del passato e con indosso un semplice camice bianco che ci fa dubitare di trovarci di fronte allo stesso personaggio sopra le righe che ricordavamo.
JOHN GALLIANO X MAISON MARTIN MARGIELA COUTURE SPRING/SUMMER 2015
Un ristretto numero di abiti che giocano con la destrutturazione e con i principi della sartoria, con il recupero e con la restituzione, con il lusso e con gli stracci. Ecco sfilare una corazza di conchiglie che adornano il petto e mascherano il viso, o un abito composto da brandelli di pelle nera che sembrano reduci da un incidente ferroviario.
JOHN GALLIANO X MAISON MARTIN MARGIELA COUTURE SPRING/SUMMER 2015

JOHN GALLIANO X MAISON MARTIN MARGIELA COUTURE SPRING/SUMMER 2015

JOHN GALLIANO X MAISON MARTIN MARGIELA COUTURE SPRING/SUMMER 2015
“I venticinque outfits che calcano la scena commuovono: sono i resti del cabaret anni Venti, echi di Elsa Schiaparelli, trofei ammaccati di glorie passate” sono parole de La Repubblica, che ben delineano il mood di questa collezione. Al termine dello show, i modelli vengono fatti sfilare realizzati in semplice telina, il tessuto di prova con cui si cuciono e sdifettano i capi: una scelta che spinge il pubblico a ragionare su quanto lavoro ci sia dietro una collezione, e su quanto impegno abbia messo Galliano per rinascere dalle proprie ceneri.
JOHN GALLIANO X MAISON MARTIN MARGIELA COUTURE SPRING/SUMMER 2015

JOHN GALLIANO X MAISON MARTIN MARGIELA COUTURE SPRING/SUMMER 2015

JOHN GALLIANO X MAISON MARTIN MARGIELA COUTURE SPRING/SUMMER 2015
Ci sono stati alcuni outfits -un perfetto blazer nero, un abito rosso corallo con colletto e dal taglio impeccabile- che sembrano indossabili e vendibili, ma è chiaro a tutti che questa non è una collezione ideata per ricevere commesse. Ciò che resta impresso è la dichiarazione d’intenti, l’apparizione fugace dello stilista sulla passerella (in contrasto con la sua presenza persistente e le sue performance teatrali d’un tempo), la sua proposta moda che strizza l’occhio al pubblico e lo porta ad ammettere che sì, Galliano ci è mancato. Di Alice Moreschini
Pubblicato il: 09.02.2015 alle 09:07:22

JOHN GALLIANO X MAISON MARTIN MARGIELA COUTURE SPRING/SUMMER 2015

Must Consiglia:

JOHN GALLIANO X MAISON MARTIN MARGIELA COUTURE SPRING/SUMMER 2015 - Home Page

JOHN GALLIANO X MAISON MARTIN MARGIELA COUTURE SPRING/SUMMER 2015