Elena Mangeli Tricot Designer

Qando la tradizione diventa glamour Diamo il benvenuto a Regina d’Italia ad Elena Mangeli, stilista self-made che ha fatto della lavorazione a maglia il cavallo di battaglia della propria creatività. Siamo qui per capire qualcosa in più su questa tecnica, su questa forma d’arte nuova: nuova in quanto non abbiamo mai visto finora sfilare sulla passerella degli abiti fatti a mano come facevano le nostre mamme o le nostre nonne. Una tradizione quindi che si richiama direttamente alla cultura popolare, ma che, a riproporla oggi, richiede tanta volontà ed estro creativo.  

Elena Mangeli Tricot Designer

“E’ vero che agli occhi dei più la lavorazione a maglia risulta essere una passione inusuale, in mezzo a tante innovazioni a cui stiamo assistendo oggigiorno nel campo della moda” spiega Elena “però bisogna anche dare la possibilità di spiegare cosa sono e come vengono create queste opere d’arte: perché per me sono delle opere d’arte. Ogni volta che finisco un abito e lo metto sul manichino mi emoziono!” Elena approccia il mondo della moda in giovanissima età “Non ho consapevolmente scelto la lavorazione a maglia: il mio è stato più che altro un dono, perché a 3-4 anni di vita avevo già i ferri in mano!” e si dedica a questo suo interesse con una dedizione assoluta che le permette di non frequentare nessuna scuola e di iniziare la sua carriera da autodidatta. I generi che predilige? “Spazio dal moderno al classico, dall’elegante allo sportivo, lavoro a tutto quello che mi passa per la mente! Il bello è anche questo: riuscire ad incontrare il gusto di varie persone, realizzare varie tipologie di moda, dal giovane alla signora.”

Elena Mangeli Tricot Designer

Le creazioni che ne risultano sono tutti pezzi unici, ma legati da un fil rouge comune. Una sua collezione tipo può comprendere un abito lungo abbinato ad un dress corto e ad un look da bambino. “Dipende anche dal tipo di cliente che mi trovo davanti: se ad una signora di una certa età piace il corto ben venga! Però il vantaggio della maglia è che il lavoro può essere proseguito, senza limiti di lunghezza, e ciò lascia libero spazio alla creatività. Se ad esempio una cliente vede un mio abito e mi dice: “E’ bellissimo, la forma è fantastica, solo che è troppo corto” in quel caso posso aggiungere dei pezzi con altre tinte, lavorati a mano oppure con dei tessuti. Posso anche giocare con delle forme diverse: se per esempio quest’anno va di moda un monospalla, l’anno prossimo gli aggiungiamo una manica. Queste sono le cose belle che si possono fare con la maglia: modernizzare un vecchio capo? Perché no.” Va precisato che questo tipo di operazione molto spesso trova dei limiti nel lavoro in tessuto, dove smontare un abito a volte risulta meno conveniente: mentre uno dei vantaggi della maglia è il poter riprendere i punti e continuare da dove si è rimasti.

Elena Mangeli Tricot Designer

La collezione presentata da Elena a Regina d’Italia, il 5/6 aprile, è stata molto votata, permettendole la classificazione al secondo posto. “Ho voluto dare alla collezione il nome di Africa, per via della scelta delle tinte calde, ma allo stesso tempo ho voluto rendere questo concetto contemporaneo realizzando varie forme, non le classiche gonnellone ampie e ruches a cui siamo portati a pensare quando immaginiamo questo continente. Perciò ho realizzato una collezione che spazia dalla signora alla ragazzina, in cui ogni capo è diverso dall’altro: dal long dress all’abito corto al due pezzi, per soddisfare più di una tipologia di persona”.

Elena Mangeli Tricot Designer

Sebbene sia autodidatta e non abbia un titolo di studio da designer, Mangeli Elena è una stilista a tutti gli effetti (e molto di più) :la sua creazione inizia dalla scelta del materiale e, passando per l’abbinamento dei colori, termina con l’esecuzione del capo vero e proprio. Per definire la sua professione non ci si può limitare a termini quali 'artigiano' o 'stilista di maglieria': Elena è un'artista completa.

CLICCA L'IMMAGINE QUI SOTTO E SCOPRI IL CATALOGO ON LINE DELLA COLLEZIONE 'AFRICA' di Elena Mangeli

La forza del nuovo ed il piacere della riscoperta della tradizione che si amalgamano nell'opera di un'unica persona, in parte ereditati per via familiare dalla passione dello zio di Elena di realizzare sculture in cartapesta, in parte appresi dall'interesse della sua tata per la lavorazione a maglia. Non possiamo far altro che salutare Elena e farle i migliori auspici per un futuro che si prospetta già ricco di grandi speranze.

Scritto da Alice Moreschini


Pubblicato il: 31.05.2016 alle 09:05:36

Elena Mangeli Tricot Designer

Must Consiglia:

Elena Mangeli Tricot Designer - Home Page

Elena Mangeli Tricot Designer