CHANEL HAUTE COUTURE: TRA EDEN E METROPOLIS

Particolarissimo il set scelto da Karl Lagerfeld per la sfilata Haute Couture Chanel per la primavera/estate 2015: una passerella circolare al centro della quale spicca un’enorme gabbia bianca per uccelli. La gabbia è decorata con 300 fiori tropicali realizzati a mano, ognuno con il proprio particolare meccanismo creato ad hoc per far sì che questi sboccino non appena si avvicini un modello armato di annaffiatoio, fingendo di darvi da bere.

CHANEL HAUTE COUTURE: TRA EDEN E METROPOLIS

Secondo le parole di Lagerfeld la visione di questo set gli è apparsa  come un flash di luce davanti agli occhi una mattina a letto. L’ispirazione vera e propria comunque arriva da uno dei film preferiti del designer, nonché uno dei più importanti esempi di cinema muto: Metropolis di Fritz Lang, in cui il personaggio dell’inventore Rotwang riproduce un meccanico giardino dell’Eden.

CHANEL HAUTE COUTURE: TRA EDEN E METROPOLIS

All’interno di questo scenario fatato e artificiale, si aggirano come uccelli esotici le modelle, che indossano mini abiti o completi dai colori pop e dalle linee basiche e pulite. Oltre a questi vediamo anche la volontà di Karl Lagerfeld di giocare con forme e lunghezze diverse, abbinando quindi micro top che lasciano scoperta la pancia a gonne in organza a palloncino.

CHANEL HAUTE COUTURE: TRA EDEN E METROPOLIS

CHANEL HAUTE COUTURE

CHANEL HAUTE COUTURE: TRA EDEN E METROPOLIS

Poco dopo però ai colori vivaci si affiancano i colori e i tagli tipici della maison francese, quindi vediamo sfilare pencil-skirt  sotto il ginocchio, micro giacche in tweed e cappottini più classici declinati in bianco e nero, ma anche in silver.

CHANEL HAUTE COUTURE: TRA EDEN E METROPOLIS

Oltre a  giocare con forme e lunghezze, Lagerfeld sembra anche amare il gioco che si crea accostando tessuti diversi. Quindi troviamo abbinati il tweed al sequin, l’organza al cotone lavorato a tricot, chiffon e taffettà alla lana.

CHANEL HAUTE COUTURE: TRA EDEN E METROPOLIS

Non passa di certo inosservato l’uso delle decorazioni anche sugli abiti e sugli accessori: cappelli e spalle di abiti e giacche sono arricchiti da tulle, arricciato in modo da comporre fiori; i beanie invece fatti  in maglia intrecciata e sono dotati di veletta in rete e applicazioni in strass.

CHANEL HAUTE COUTURE: TRA EDEN E METROPOLIS

CHANEL HAUTE COUTURE

CHANEL HAUTE COUTURE: TRA EDEN E METROPOLIS

Una serie di abiti poi sembra addirittura essere stata realizzata nella sua totalità attraverso la sovrapposizione di fiori in organza e tulle di diversi colori e forme. Un letterale tripudio della primavera.

CHANEL HAUTE COUTURE: TRA EDEN E METROPOLIS

Altro punto su cui concentrarsi sono le calzature: degli stivali flat neri in pelle, dalla punta squadrata in vernice, che calzano come un guanto il piede e il polpaccio delle modelle.

CHANEL HAUTE COUTURE: TRA EDEN E METROPOLIS

Da sottolineare anche il make-up ricreato sulle modelle: visi diafani idratati con il nuovo siero Hydra Beauty, labbra rosso scarlatto, occhi completamente nude e tutta l’attenzione sulle sopracciglia, unite da un ombretto taupe magistralmente sfumato sotto le retine che incorniciano i volti. Anche per quanto riguarda l’hairstyle via libera alla semplicità: capelli sciolti con riga in mezzo oppure trecce morbidissime e volutamente spettinate.

CHANEL HAUTE COUTURE: TRA EDEN E METROPOLIS

CHANEL HAUTE COUTURE

CHANEL HAUTE COUTURE: TRA EDEN E METROPOLIS

La collezione creata da Karl Lagerfeld sembra quindi ideata appositamente per giovani donne nel fiore degli anni, dei bellissimi fiori colorati appena sbocciati.

Di Beatrice Cosa

 


Pubblicato il: 24.05.2016 alle 09:15:53

CHANEL HAUTE COUTURE: TRA EDEN E METROPOLIS

Must Consiglia:

CHANEL HAUTE COUTURE: TRA EDEN E METROPOLIS - Home Page

CHANEL HAUTE COUTURE: TRA EDEN E METROPOLIS